.Esisto.

  

Esisto_ scavata fin dentro le ancore delle mie solitudini
Li, nel fondo delle mani affamate ,gettate sotto i denti
traboccanti di parole annidate
come mille lingue a masticarmi la verità
fino alla secca dell’Anima

Mi Divoro_ consapevolmente
trattenendomi il corpo scomposto
da varie pelli fino alla fine delle ossa
dove scricchiolano come musa
per la sinfonia della Notte

E mi accordo_con una sola nota
afona del mio stesso nome
che dura poca nella fame
come pasto per l’ultima cena
che genera Vita nel Nome dell’Addio

©Runa


Transito di Anime

Annuso l’aria
e tutto il vento che mi attraversa
Scandisco l’impronta dell’accaduto
riversandomi nel colore unto del mare

Restringendomi d’equilibrio instabile
amplifico il salto che pulsa nel fondo
confondendo Me tra cielo e finta terra

[.C’è un transito di Anime in questo assolo di Amore
Commiati voli __ tremolii d’ali.]

Imprevista è l’altitudine
sotto falsi slanci del fiato
e nel mentre rientro nella gravità della solitudine …vedo

che la metà della notte è una spranga contro il giorno

©Runa

[ A Piedi Nudi ]

In ogni modo ___e poi ritorni
Accadere tardivo a scivolare immemore
come carne nuda fra pareti di dis_conoscenza
[ ignara ]

In ogni modo ___ e sfila la solitudine
espiata al fiato che pesante annaspa
come segugio dinanzi al petto
nell’arginare la fame
[ srappata alla pelle ]

In ogni modo ___e poi non più
A piena Notte / Sottovoce / Sottovento
scolorendo il dolore
ed il suo avverbio di tempio
[ incolore ]

©Runa