[ nasco.sta ]

silent

inizio daccapo /
con una croce rovesciata sul cuore
.un pugnale di fuoco che mi reclina la memoria
dal grembo e in fuori
come un cantico partoriente che mozza il sangue
e il suo fluire a foce

posso ricordarmi di essere nata in questa vita
.con possessione avvinghiarmi alla sua terra
e programmare la mia stessa dipartita
da un luogo che mi si apre sotto
e mi inghiotte
come fossero polsi aperti voraci d’aria

inizio dal punto in cui ho perso /
scricchiolando con ossa affrante verso
le spalle di un muro di carne
che non placa questa mia irragionevole voglia
di essere una chiesa profanata da Dio
di essere un Dio _nascosto alla morte

©Runa / inedito 2015

[.Presagio.]

FB_IMG_1429598377608

Si fa luce l’obliquo risveglio di questo mattino
acceso dal grigiore del suo ultimo inverno
come un lampo
che ferisce l’arto esteriore del mio corpo
con impietose vampate illuminate
dall’aria e dal suo impulso alla gioia
avvicinata e poi dimenticata .
È luce
prorompente e luminoso
questo presagio che mi lascia interrotta
senza vagito nel ritorno alla vita
senza affanno nel sonno innocente
come un catartico vivere perenne
che mi tuona nel cuore
ed io non so sentire
©Runa