.negata.

cats.jpg

sicuro come l’inganno / destante come la notte
è buio / assoluto e silenzioso .

girovagare a piedi nudi mi è prerogativa dolorosa
arrivare da un’altrove e non mi è concesso toccare
sgualcire con la realtà di un fatto / l’assoluto silenzioso
residente come sabbia in fondo al mare
o come un blaterare nel pieno dell’emozione
o come un sussulto che dal risentimento dell’amore
avviene / cosi .

sicuro è l’inganno / devastante come la realtà
è ancora troppo buio per la verità .

come la memoria affissa su muri discontinui
di carta pesta e non troppo bianchi
maciullati / con le mani che non si tengono a bada
protese verso una carità che manca / fin troppo bianca
come la luce che preferisce la morte accanto
piuttosto che riflettere su quelle dune d’ossa
morenti in fondo al mare .

è sicuro come l’inganno più vero / reale
ch’io sono come nessun’altra verità : negata / incondizionata .

©Runa

Annunci

. figlia del silenzio.

tumblr_nwvq39edmJ1qefgz5o1_500.jpg

Io sto parlando con una persona che non esiste /
Sono in contatto con un’anima glaciale che del suo amore ne ha illuminato il buio /
Io sto vivendo in un corpo che non ha più vita / e respiro di un fiato che è figlio del vuoto_ del silenzio e alla sua naturale forza di resistere_

Ho arruginito per tempo le ossa 
e sono trapassata dalla carne al gambo di un fiore senza cedere
/ ancora il cuore può avere quell’ultimo sussulto come aria carnivora che non solo di sangue si nutre /

©Runa

.notte senza fine.

resd.jpg

non c’è margine di resurrezione
nessuna logica ad ambirne il ritorno
solo una definizione apparente
di tutto ciò che ho lasciato
e che potrebbe essere

/ come un vento a ritroso sulla banchina del tempo
dove la voce attende il suo gorgheggio latente

non c’è margine di resurrezione
come non ci sono dita per le mani
o pensili per i pensieri
solo raggi di una luna che incombe
su una notte senza fine

©Runa

.echo.

tumblr_mkjpiei75H1qh8dpxo1_500.jpg

I take out my tongue
and without having the desire to rediscover the taste of the night
I swallow a piece, little by little,
not to forget that I can drown in it
like when I have your hands on your hips
your tongue in your throat,
your fury in the urgency of my madness.

I take out my tongue
and I announce to silence,
attraversandoti
I gently adore you in you, without echo
I let myself be taken, eat, exhausted
because it’s the only way I can get back to me
dying
it’s through you

©Runa

 

.nuova luna.

amcau.jpg

potrei cambiar tempo
e mutare d’essenza illuminata
nel percorso di luna
che sul mio corpo in fuga si cela
come un verbo amabile e desiderato
comprese le memorie legate
spogliate finemente
di un inizio che gela e salda
come solo il caso del tuo ritorno sa fare
ed il riso distratto del tuo vantarmi
sa dire

potrei mutare di tempo irriverente
e nel tornare al passato giacere
e plasmare il mio dolore
che ti fa scultore
della sua amata pietra
affine alla sembianza
come impronta di neve
etereo avverarsi d’illuso
che non sempre vota allo svolgersi
dell’esser poi di carne
o di quel che si è

©Runa

 

pubblicato su https://wordsocialforum.com/2017/11/28/giovani-prospettive-omaggio-di-parole-ad-emanuela-cau/

.nature of the inviting.

fabmlia.jpg

questa è la mia natura
un sovrapposto di cose
come radici a forma d’acqua
in un corpo esteso che lento / vibra

questa è la mia natura
un filo d’erba addentato
nell’ora dell’ombra più accesa /
un sovrappensiero sul precipizio della ragione
un’idea che imperfetta vaga

questa è la mia natura
un muschio ardente che sopravvive alla memoria
un banco di follia che non tagli netta
se non con il limite del respiro sacro

©Runa

 

 

.nero su nero.

I have multiplied every word / I marked them black on the heart
folding them like the night in the moment before it explodes
and let it be dark skin on my convex body exposed
between you and the broken down ribs /

ho decimato ogni respiro / bianco
intriso di dis.gelo e anima smisurata
con fotogrammi di luna dipartendo altrove
fra scaglie di lingua inchiodate al costato
convulse come vermi
a flagellarmi poi dentro
di una memoria ormai fatta di legno
come un pugnale scarno che elude la vita

I have been pregnant with your every form /
a shelter of water for all your roots
I was shipwrecked and never welcomed to shore
a caterpillar never born with already broken wings
/ I was a fertile womb for your delirium and my umpteenth death / ©Runa