.in diagonale.

 

qui.jpg

mi accosto al c u o r e _dalla parte mancante
rivolgo l’attenzione sul volto e alle sue cicatrici d’a s s e n z a
/ qui il tempo è una linea sottile
un eyeliner interiore che si scioglie nell’andare
/ qui il tempo è un mezzo respiro a b o c c a asciutta
un’immobile sentire che si espone senza volere

ne annuso l’aria _ci resto accanto f e r m a
mentre la notte frena e non mi attraversa
/ qui il tempo è un e q u l i b r i o perso
un gene senza ombra
/ qui il tempo è niente senza il c o n f o r t o della luna
e tutto gocciola come linfa d’ere perdute su muri d’affetto sgranati in filigrana

mi accosto ad un p r e c i p i z i o che mi si mette accanto
mentre l’onda d’urto sul cuore diventa salsedine
/ f u r o r e cieco è ciò che mi ritrovo in petto
brividi d’amianto e a r g i n i d’argento
/ tutto in questo tempo è un lampo improvviso
ed io a briglie sciolte
ne perdo il controllo / allentato in diagonale

©Runa

Annunci

.messa al mondo.

mind__by_enaston-db65ox7

se avessi resistito
al sussurro della vampa del fuoco

se avessi avuto la facoltà di ignorarne il calore
il silenzio / sarei sopravvissuta
a quella calura che a picco sulla pelle
mi ha segnata il senso di cui sono fatta
da cui sono nata

se avessi avuto il giusto sentore
e avessi rischiato di schiudermi in quel tordo rumore
allora si che sarei riuscita a scivolarmi dentro
in un battito di ciglia sarei naufragata nella mia più audace solitudine
e mi sarei arresa sul filo del tempo
addormentandomi in sogno senza sofferenza
senza risveglio

se avessi resistito
sarei stata messa al mondo dalla vampa calda del fuoco
e non avrei avuto tempo ne furia per sentirmi in questa vita -incerta –

©Runa

.nero su nero.

I have multiplied every word / I marked them black on the heart
folding them like the night in the moment before it explodes
and let it be dark skin on my convex body exposed
between you and the broken down ribs /

ho decimato ogni respiro / bianco
intriso di dis.gelo e anima smisurata
con fotogrammi di luna dipartendo altrove
fra scaglie di lingua inchiodate al costato
convulse come vermi
a flagellarmi poi dentro
di una memoria ormai fatta di legno
come un pugnale scarno che elude la vita

I have been pregnant with your every form /
a shelter of water for all your roots
I was shipwrecked and never welcomed to shore
a caterpillar never born with already broken wings
/ I was a fertile womb for your delirium and my umpteenth death / ©Runa

 

.the words that come betrayed.

IMG_7218142673877

not exactly the words that come betrayed
not by a stem flowered you translate into life
not from the brink of your will that resurface

ooze his soul is precious
lay the hard way in life is to break down it
without rules, without hesitation

not exactly out of the mouth that comes a kiss
not by the frivolity of a gesture that you find pleasure
It is not within the boundary of your identity that you can intrude

grab the hottest hours, you strike the sun with your crying
made poison precious facts reverb absinthe
and ascend fair in your most candid madness

©Runa

_VULCANO_

sayaka_maruyama_02

Acqua / Vento / e non più il freno della forma.
Stantia mi è ora la vita
con lacrima a goccia e respiro che è castigo
sul rovescio di un cammino
che scruta attento lo scatto della fuga
come una danza non fatta che a malapena si calza
smisurata d’assenza e di abbagli di fiato .

Cenere o Creta
a puntellare questo passaggio d’ere
senza parole effimere e crude
nell’ andare e tornare / come in un rovescio di polvere
che sfibra e sdruce tagli succhiati
da una violenza disumana o un orgoglio che inghiotte d’amore .

Non ho più argini sui fianchi
ma solo apnee notturne a caricarmi il ventre.
Non dimentico lo strato di terra che mi si sciogle addosso
negli orli della notte dove
ti cammino ancora addosso e di te prendo vita
lacerata ma mai dimenticata .

©Runa / inedito 2015

[.Presagio.]

FB_IMG_1429598377608

Si fa luce l’obliquo risveglio di questo mattino
acceso dal grigiore del suo ultimo inverno
come un lampo
che ferisce l’arto esteriore del mio corpo
con impietose vampate illuminate
dall’aria e dal suo impulso alla gioia
avvicinata e poi dimenticata .
È luce
prorompente e luminoso
questo presagio che mi lascia interrotta
senza vagito nel ritorno alla vita
senza affanno nel sonno innocente
come un catartico vivere perenne
che mi tuona nel cuore
ed io non so sentire
©Runa