L’inverno .adesso.

fbmilia

l’inverno è arrivato sulla mia pelle scabra
a bocca aperta / asciutta
in un andirivieni di versi morsi e pianti indotti_
e c’è solo la memoria [ ora ]
ad estinguere il solco blindato del mio essere
che sgranocchia a battiti lenti
il lutto del mio vivere inesistente

mi pervade [ ora ]
il misticismo celebrato dalla notte
che implicito placa apparentemente su di me
la riproduzione esatta del dolore
tornato dall’inferno per ritrovarmi ancora carne
e buio se serve
per un canto maledetto che a denti stretti mi smeriglia il nome

l’inverno è arrivato sul mio esalato difetto
disadornando le stanze vuote con silenzio di piombo
e teli d’organza per dirmi [ ancora ]
quanto la luce del sonno intatto possa nuovamente nuocere
al cigolio del mio ricordo arginato_
insaziato dall’esilio in terra rossa
dove striscio e nutro il mio cuore sanguinante

©Runa

Annunci

[ordino] .memorie.

10993087_958339847523976_1737431893623196259_n

ordino le memorie accanto ai passi andati /
accartocciati in lidi arcani /
privi di spine e dalle rose spoglie /
nere .

ho amato ogni fiore del mio piccolo giardino /
ogni candida foglia vellutata accarezzata dal vento .

oggi restituisco a grappoli di sale questo mio spoglio prato /
un solco ormai avariato d’inesistente consistenza /
un malaffare per la mia corazza franata .
©Runa

-I.Ride Rossa-

Questo è quello che sappiamo fare bene .Questo è quello che non ci fa sentire sole .

Questo è ciò che siamo .

10537046_853753661304102_7688435029427684900_n

Trasmuta l’iride
nel tempo che sconvolge e stravolge
srotolando un nastro di vita strappato / r o s s o
come quel tenue bacio fra le rime delle labbra
che appena ho perso in quell’attimo di avverbio
che era qui [ ed ora non so ]
Scandisce la luce
l’effluvio di un muto guardare
lasciato al ricordo .s p e z z a t o.
di un riscoperto silenzio .in m e t r i c a vivace.
sul disavanzo dell’anima
che suggerisce bellezza
all’angolo piegato nel fianco
reclamato di .l e g g e r e z z a.

©Rosy Iuliucci / © Ilaria Manazzone

ph©Fabrizia Milia  https://fabmilia.wordpress.com/

[ .digrignando silenzi. ]

Immagine

Ho collezionato Contraccolpi di Parole 
in una vita che si è fatta risacca di giorni .
Una sola esposizione di Luce mi ha resa Viva 
una spilla appunta sul petto ad indicarmi la via .

Ho intarsiato sulla pelle il rumore del vento
uno strano avverbio ammutolito con il niente .
Un tagliente avvenire che si sposta sul capo
una grinza sul volto come ricordo scoppiato .

Ho sulla bocca ancora nell’oggi 
il giusto rossetto al sapor del mio sangue .
Una densità che mi accarezza 
una voluttà che mi assottiglia .

Mi ricorderò nei futuri mattini di quanto caldo possa essere ancora il sole / di quanti abbracci potrà ancora gioirne il cuore / Mi ricorderò che a fremere sono ancora in grado / Che nel digrignare so ancora parlare / ©Runa