.anni come lacrime d’argento.

pensavo al mio corpo, a come è riuscuito a mantenersi in equilibrio fra contraccolpi di questi anni, a come è riuscito a mantenersi in piedi fra le selve oscure, all’abilità del mio petto a non scoppiare.
pensavo all’involontarietà della mia vita, alla materia casuale che si è fatto postuma sopravvivenza, valore che come un’ultima bugia si è tagliata palmo palmo restando penitenza pagata senza funebrità e conseguenza.
pensavo a quanto è riuscita a refrigerarsi l’anima mia per sopportarsi e trasportare la quantità di pena, preghiera asfissiante come posa fra le mura, corale trauma raggiunto poi in preghiera.

©Runa

.come dal mare.

è sempre dall’alba al tramonto che tediosa si reintegra la memoria
gaudiose sensazioni in piena tempesta arrivano
nell’indifferenza della Luna che resta a guardare .
è sempre in acque tranquille
che il nero degli abissi agisce e trova la sua forma migliore
atroce come un silenzio in fiamme
instabile come le stelle a sommar cieli persi .

si compiace l’anima di questo gioco .
il costato m’estirpa la metamorfosi dell’ombra
mentre dal risveglio annaspo
arie rarefatte e tonfi di tenebra sconfitta .
fra le sembianze di una notte che mai finisce
e la vita , mi si trafigge il cuore
e nell’esaltazione del dolore io cado
come in un ignoto [dis]continuo
che m’avanza sulla foce dell’essere  
come forma di mare aperto
calmo come uno specchio
dov’io torno a riposare .

©Runa 

on air : https://www.youtube.com/watch?v=fQfbzM2IdRA