.Crèmisi Poetica: raccolta di Poesie.

Ho scritto tanto negli ultimi anni da riuscire a riempire ogni vuoto d’ombra che avevo nella memoria e fra le parole e i pensieri, quasi frammentati dal desiderio di riuscire a vivere una vita predestinata ad altro, mai del tutto intimamente appartenuta.
A memoria quindi mi sono raccontata in questo libro che proprio questo vuole essere, fogli come macerie di voci ricostruite che diventano pelle essenziale e scarna, come l’Anima… senza nessun’altra presunzione.
Ringrazio chi ha creduto in me in tutti questi anni seguendomi sempre fra i ritorni e le assenze, sul blog, sulla mia pagina Facebook o chi sul mio profilo personale.
Ringrazio la casa editrice che ha investito su di me dandomi l’opportunità di realizzare uno dei miei più grandi sogni.
Ringrazio me stessa per essere riuscita a moltiplicare ogni parola su queste pagine di vita troppo bianche.
Ringrazio infine, ma non per minore importanza, Francesco Cacciola e la sua dedica, grazie di cuore per aver speso un’attimo del tuo tempo e reso suono questo primo vagito.

©Runa

Sulla barra laterale del blog cliccando sull’immagine del libro sarete riportati alla pagina di Amazon per acquistare la vostra copia o seguendo il link sottostante:

https://www.amazon.it/dp/B08CMYCDF6?fbclid=IwAR1ewwa0J-ZT1cxrWpL1qrOFR9RlgGal01o2E12-DSflekFq8otYQrs4cuA

.inchiostro denso.

a malapena la tua densità è presentimento, è odore.
è impazienza sulla lingua, luminosa lussuria,
raggio di sole, reminiscenza, tregua senza inizio.
vorrei chiederti di narrami come si narra una prima idea.
vorrei chiederti di sostare fra le fessure del mio essere
che si strappa come cartapesta
e abbandonarmi alla pelle che spogli di sostanza.
vorrei chiederti di affiorare boscoso e silenzioso,
come mosto selvatico alla fine dell’alba.
celebrarti con linfa schiarita, gloria suprema
nell’assoluto andirivieni del desiderio che solo a te dono,
come si dona una poesia mordendola d’inchiostro denso
fra le labbra strappate ad un feticcio di pelle.

©Runa