.parole vertiginose.

non so quanto ho scritto in questi giorni
parole d’amore , puntuali e meticolose
un richiamo d’antica poesia
un fraseggio di fine estate
uno scrigno pieno di malinconia

ho nel silenzio infinite parole da dire
grida piene e rancori da elargire
arie refrattarie a scarnificare
il finire di ferite adoratrici di meraviglia
follia e canti di stregoneria

non so quanto ho scritto in poche ore
parole vertiginose , scenari teatrali
come ad annunciare
che il verbo che mi tiene in vita
sta per arrivare _per poi mancare

©Runa

Annunci

.aculei di memorie.

dolciastre follie
è cosi irreale il tributo
che dono alla pena .
ho battezzato le ipocondrie
con malsane idolatrie
nulla può lenire il fuoco
delle nebulose malinconie.
ho quanto basta di piena sul cuore
per serigrafare gli argini
di ogni singolo dolore
o recondita forma
di polvere e sinfonia .

c’è sempre un punto di rottura nell’angolo del pensiero , una fragile scheggia ramata che si fa anomalia fra i ricordi .
è da lontano che cerco la serenità dei passi , è nell’estrarre aculei di memorie che mi accorgo di essere pietra e poi rantolo d’aria .
ho assunto forme d’onda e contorni di aridità nell’eterno bivio fra l’esistere sommesso e la reale condizione , ma non sempre riesco a trattenere la voce della notte che mi rinchiude nella cava dell’anima .
torno sempre al punto di rottura , fra le lande silenziose della solitudine e il tormento sanguinante del cuore .
è come un vizio il dolore .
un nastro di seta in endovena .

©Runa

on air : https://www.youtube.com/watch?v=MPP9U9dHqaQ

.ultima Luna.

fallo in fretta a diventarmi neve
nelle vene come se non ne avessi alcuna
soffermati nei sensi che a tratti espongo
e strappa dal cuore
questo vizio che si ricolma di ore nuove
[prendi forma d’aria immobile
senza Luna a ricoprirmi
senza notte a masticarmi]

c50dec14713bc128dc6e008a3a67c1c3.jpg

sono un’anima che si tiene a freno
con un guinzaglio di memorie
nel mentre il soffio leggero dell’aria
abbraccia la furia
di quest’aria immobile .
tutto va lento come alte dune
in stanze sovrastate
da silenzi e chiaroscuri .
sarò forse l’ultima a sprofondare
in questo labirinto di dolore
sarò forse l’ultima luce
di Luna ad abbagliare
ma che mi annienti pure
l’incanto di un cielo aperto
mentre varco l’argine di un ombra
che s’attarda a lampeggiare .

©Runa

on air now : https://www.youtube.com/watch?v=Bd4jT4zcdHg

.poesia che mi nutri.

la voce del silenzio si differenzia fra il passo necessario nella nuova vita fino alla moltiplicazione incarnata di ogni singola parola .
il .tutto. vissuto emozionalmente mentre la fuori c’è un ingombro di stanze ed insonnie pronte a ricavarne anche un’unica notte da questo delirio ch’io chiamo .poesia.

fab milia.jpg

.poesia
che notturna illumini tenue
queste ore desertiche in decadente contrasto
.tutto ruota prendendo forma e natura.
occupi lo spazio necessario
delineando distanze e frammenti
fra il mio cuore e il tuo
.rendimi polvere se necessario
.impastami nei silenzi più cupi
.disperditi nei divieti delle vene
e fa di me ombra asciutta
figlia d’innaturale luce
.poesia
che sono me stessa nel bene e nel male
stringiti alla mia memoria
prima che fugga fra mille ragli
.prima che queste mie promesse disperate
colino per difetto
lungo una piega di lingua mai nata

©Runa

tumblr_nooj4iBc3A1qdzpwbo1_1280.jpg

non è facile urlare contro l’attimo preciso in cui tutto sgela .
il mio è un vagito nell’eterno riposo della stessa misura della selva oscura da cui nacqui .
sono fatta di una vita involontaria che refrigera l’anima ad ogni bivio .
non è facile tornare ad essere un frammento di luce dopo una notte cosi buia.

©Runa

on air : https://www.youtube.com/watch?v=viimfQi_pUw

. dal buio al silenzio .

thekey.jpg

torno dal buio al silenzio
nel mio caro letto dove estinguere ogni parola
fuochi e armi accese nell’occulta notte
nel mentre l’essenziale vaga come fascio di luce
fra la ragione ed il suo essenziale in crosta .
torno dal corpo alla fame
come quando riordino ogni natura
morta fra tutte le cose
come la paura del dire
le contraddizioni del conciliare
come dal mio cuore al tuo

[come se tu fossi il male
ed io l’anticipo della sorte]*

in ogni gesto compiuto
in ogni rimedio percepito a secco
la bocca singhiozza il tuo nome
nel disarmonico canto cardiaco
che ne allinea appena la crosta
e sopravvive con un colpo alla volta .
torno cosi nei cieli neri
appartenuti alla pietà della voce
che appena ascolti immergi
nel giro di una notte obliqua
che cerca dialoghi interrotti
e dolori ormai in polvere _irrisolti

©Runa 

* : una dedicata feroce che vale ogni altra parola . Grazie . 

on air : https://www.youtube.com/watch?v=nbb8RyvK7Us

.come sorelle.

I saw you bloom in a precious mystery
and I’ve never forgotten your name

Devi&Rose1.jpg

che il nostro stupore resti lucente come anima di alabastro , inciso nei nomi come cosi nel tempo e che ogni porta per noi resti aperta senza desiderare oltre modo luce se non quella di un orizzonte che ci vedrà ancora insieme a confrontarci su quegli istinti che ci hanno portato fino a qui , che sono gioia , certezza e poi eterna dolcezza che ci quantifica donne in un sibilo amichevole e puro .
[perché alla fine di ogni tempo è qui che ci ritroviamo
io in te e tu in me
come ogni parola che si allinea sulla curva del cuore]

dedicated to you Ethelweis

graficaDEvieRosy.jpg

Ed è stato come lavarsi il viso
in giorni dai tasselli imprecisi
nel mentre l’altra metà dell’esistenza
faceva di noi un movimento di attesa
in ombre curvate tra le braccia
come angoli inesatti restituiti al tempo
di un vivere dai contorni randagi.
noi ci siamo sostenute come fanno le parole
irrazionali e poetiche
come un giudizio di salsedine
stupefacenti ed amabili
nel ritrovarsi compiute
alla consegna di un corpo di donna

Devi&Rosy.jpg

Siamo intarsi di lettere in abbracci affidati al cielo,
che piovono sui nostri giorni come ali amorevoli
come gabbiani mai smarriti
come onde che lambiscono sogni srotolati,
strade tracciate al riverir della notte.
Noi siamo sacerdotesse del verbo
danzanti nastri d’aurora in filamenti di sorriso
al di là di ogni falsa parvenza,
perché abbiamo il petto che si fa scrigno
di ogni ristoro, di ogni rifugio.
Una corda d’arpa silenziosa che vibra attraverso le terre
da me a te, da te a me,
nell’infinito effimero del tempo,
perché siamo come delicati petali,
di uno stesso fiore che si fa baciare dal vento.

©Ethelweis &©Runa

posted on : https://sewnundertheskin.wordpress.com/

on air : https://www.youtube.com/watch?v=OmLNs6zQIHo

 

. corpus vertebrae .

corpus-vertebrae7.jpg

ho iniziato dai pensieri
[in]spirando il multiplo di ogni memoria
e nella stagione più arida
ho reso liquida la mia avversione
per questo vivere oscillante
che si prona alla destra dell’attenzione
e non ai piedi di un fiato in pena

.mi ritrovo molle
taciturna come una candela
in una gaiezza senza guscio
che trema appena.
simulata su di un fronte irreale
sottratta al lungargine del cuore
e da quello che nelle risacche dell’anima
resta
comparando la verità dal silenzio al vento
e dalla notte a un rosario esangue
irregolare come una preghiera che non ha sentenze
che non si intromette sul significato della croce
ma muore
d’eco nelle sue stanze vuote
come in una via crucis senza uscita
senza provvidenza

©Runa

on air : https://www.youtube.com/watch?v=jWFb5z3kUSQ